Accedi al sito
Serve aiuto?

Bocca e Denti

Una definizione per i denti potrebbe essere: "orga­ni preposti, fondamentalmente, alla funzione masti catoria che, nel loro insieme, consentono la tritu razione e l'incisione dei cibi, garantendo così il primo livello della funzione alimentare e digesti va dell'organismo umano.
"Con una estrema semplificazione possiamo affermare che, da un punto di vista morfologico, i denti sono divisi in 3 parti fondamentali: la corona, le radici, il colletto.
La corona è la parte che vediamo sporgere nel cavo orale, fuoriuscire dalle gengive. 
La forma della corona dei denti è differente a seconda che si tratti di permanenti o decidui, di incisivi o molari ecc.In condizione di salute parodontale le radici non sono visibili (se non con radiografie) perché rac chiuse nell'osso alveolare a sua volta ricoperto dalla gengiva.
Le radici rappresentano la parte del dente deputata al mantenimento dell'organo nella sua posizione resistendo agli sforzi della masti­cazione e dell'occlusione.
La forma e il numero delle radici differiscono a seconda del dente.
La zona del colletto, o zona della giunzione amelo-cementizia (dove finisce lo smalto della corona e inizia il cemento delle radici), è la parte del dente alla quale si congiunge la gengiva con il suo attacco.
Già da questa prima descrizione appare eviden te come, nel passaggio dalla corona alla radice, vi sia un cambiamento di struttura: mentre la coro na è protetta dallo smalto che la ricopre intera­mente, anche se con diverso spessore a seconda delle zone, la radice è ricoperta da cemento.
Analizzando la struttura del dente dall'esterno verso l'interno troviamo:
· smalto (per la corona)
· cemento (per le radici)
· dentina (sia nella corona che nelle radici)
· polpa (sia nella corona che nelle radici)